Mineralogical locations
of Piedmont
by Patrizia and Massimo Deidda
Introduzione alla bibliografia

A cura di Piero Brizio

Una delle condizioni per scoprire qualcosa di nuovo è conoscere il passato. Sapersi destreggiare fra quanto già conosciuto e scritto sulla materia oggetto della ricerca è fondamentale per crearsi un quadro il più completo possibile che individui la novità e la giustifichi; gli studiosi convengono che la ricerca bibliografica richiede un impiego di tempo che spesso raggiunge e supera il 50% del totale del lavoro.

Lo scibile umano ormai è così vasto che risulta impossibile indagare “ovunque” in un campo ormai immenso nel quale non si è mai sicuri di essere a conoscenza di tutte le possibili fonti. Ma insiemi, o meglio ancora sottoinsiemi, di informazioni possono ancora essere più o meno facilmente gestibili, seppure con un non trascurabile dispendio di tempo e di impegno. Nasce così la proposta di una bibliografia che contempli la mineralogia (comprendendo in parte anche cristallografia, petrografia, geologia, industria mineraria con accenni di storia, geografia ed archeologia) di una piccola area del globo terrestre che prende il nome di area piemontese, cioè la parte occidentale dell’Italia settentrionale.
Tale impegno era già stato affrontato nel 1893 con la Bibliografia del Parona, Sacco & Virgilio; prima del 1935 aggiornamenti successivi erano apparsi sul Bollettino del Servizio Geologico d’Italia e dopo tale data sul Periodico di Mineralogia, per arrivare al 1979 con l’uscita della “Bibliografia mineralogica del Piemonte e Val d’Aosta di Franchini Angela, Maletto & Brizio pubblicata dall’Associazione Piemontese di Mineralogia e Paleontologia di Torino. Nel 2002 infine compariva la “Bibliografia mineralogica del Piemonte e della Valle d’Aosta” di Angela, Brizio, Maletto & Peyronel edita dal Museo Regionale di Scienze Naturali di Torino che rappresenta, ad oggi, l’ultima pubblicazione.
Ma i dati continuano ad aumentare: dai 2100 riferimenti del 1979 si era passati ai 7200 del 2002 ed ora si è a 8750 indicazioni bibliografiche. Tramontata l’idea di poter pubblicare un nuovo, e ancor più ponderoso, volume si è deciso di offrire alla possibile utenza una versione elettronica che, oltre a tutto, offre la possibilità di aggiornamenti più facilmente integrabili e più frequenti.
La struttura è sempre la stessa: autori, data, titolo, riferimento bibliografico con le stesse e solite considerazioni da abbinare a qualunque ricerca. Innanzi tutto la grafia dei Cognomi degli Autori, della lingua usata nel Titolo, delle abbreviazioni usate nei Riferimenti Bibliografici non è sempre univoca. Alcuni Autori sono stati riportati con Cognomi diversi (Bonvicino / Bonvoisien) con Cognomi di famiglia o acquisiti (Franchini / Angela) e con grafia diverse (Strüver / Struever / Struver) quindi in caso di ricerca per Autore si consiglia, prima di desistere, di “provare” tutte le alternative. A maggior ragione per ricercare Minerali o Luoghi si deve pensare alle varie Lingue usate nei titoli (granato / garnet / grenat / granat ) (Monte Bianco / Mont Blanc – Cervandone / Scherbadung) e a tutte le possibili voci mineralogiche “correlabili” fra loro (diopside / pirosseno / alalite / mussite / ecc…) ed all’allargamento dell’area da studiare (Curbassere / Ala di Stura / Val d’Ala / Valle di Lanzo / ecc…). Anche gli anni (benché “solo” numeri) possono rappresentare sia l’anno di pubblicazione che di edizione non sempre coincidenti. Per finire non sempre è facile districarsi fra le abbreviazioni che “rappresentano” le testate delle varie riviste e pubblicazioni scientifiche nel campo della mineralogia ed, a volte, purtroppo, persistono errori di trascrizione nei numeri indicanti volumi, fascicoli e pagine in quanto il lavoro non è stato consultato ma ripreso da bibliografie di lavori non sempre esattissime.
E’ quindi, e comunque, permessa la ricerca per Autori, per Anni e per Parole nei titoli: tali ricerche possono essere “incrociate” per stringere a piacere il campo delle risposte. Si ricorda che scopo di questo approccio non è avere una risposta esaustiva – comunque impossibile per quanto già detto sopra – ma di trovare pochi o anche un solo lavoro interessante. Dalla bibliografia di quest’ultimo, specialmente se attuale, sarà possibile allargare la ricerca e renderla il più possibile completa.
Il compilatore confida, comunque, nell’aiuto di quanti vorranno colmare carenze, imperfezioni ed omissioni per le quali ci si propone di porre rimedio con integrazioni ed aggiornamenti futuri.

Search in the bibliography
Author Year
Minerai , Location Publisher , Necklace , Magazine
Copyright 2017
Minerali Piemonte
Management by
MSGWEB
Photos and descriptions edited by
Patrizia and Massimo Deidda
998362